Mamma Sogni D’oro

PREMESSA
“Mamma Sogni d’oro” nasce con l’obiettivo di arginare le stragi del sabato sera e contenere l’aumento delle vittime di incidenti stradali. Si rivolge ai giovani dai 16 ai 26 anni che il sabato sera si recano nei locali notturni. L’iniziativa si colloca nell’ambito delle ultime riforme apportate al Codice della Strada e della campagna sulla sicurezza stradale “La vita non è un optional” realizzata al fine di diffondere modelli comportamentali basati su un’idea di divertimento che sia intimamente legata a quella della sicurezza propria e altrui. In questo contesto di riforme e di iniziative di sensibilizzazione a livello nazionale si è ritenuto opportuno attivare concrete misure di prevenzione locali, dettate da due fattori peculiari:
1. Fattore sociale: secondo i dati raccolti dalla Polizia stradale di Avezzano, ogni fine settimana si registra nella Marsica (area dell’Abruzzo interno comprendente 37 Comuni, che ha come centro principale la città di Avezzano) il numero di incidenti stradali più alto della provincia di L’Aquila. Sempre secondo la Polizia, gli incidenti sono determinati non tanto dal tipo di strade o dal tempo, quanto dall’alto numero dei veicoli in circolazione.
2. Fattore territoriale: l’alto numero dei veicoli in circolazione è determinato dal fatto che il suddetto Comune di Avezzano è l’unico ad ospitare discoteche (che da sole raccolgono circa 2.000 ragazzi) più altri locali notturni come night, pub, bar, enoteche, winbar, un cinema multisala ecc., che attirano inevitabilmente non solo la popolazione marsicana, ma anche quella delle aree di Sora e Sulmona.

COMPORTAMENTI DEL POPOLO DELLA NOTTE IN MARSICA
Per avere un quadro più preciso, relativamente al movimento notturno del sabato sera, il GAL ha provveduto a effettuare, in data 8 settembre 2007, presso una nota discoteca del posto, un’intervista a 255 ragazzi. Dalle risposte degli intervistati si è ricavato quanto segue:
• la maggior concentrazione di ingressi si registra dalle ore 01,00 alle ore 02,00 con età compresa dai 16 ai 24 anni; si è notato un piccolo rialzo degli ingressi alle ore 03,00 che ha interessato utenti con età maggiore ai 30 anni
• la fascia di età più presente va dai 17 ai 27 anni, con un picco riscontrato per l’età di 19 anni; il resto degli utenti è omogeneamente distribuito tra i 28 e i 32 anni, mentre poco significative sono le presenze degli ultra trentenni
• il maggior afflusso di utenti proviene in ordine di grandezza da: Avezzano – Valle Roveto (quasi tutti i paesi più grandi presentano un cospicuo numero di utenti) – Celano – Luco Dei Marsi – Trasacco – Valle Giovenco (Pescina, San Benedetto Dei Marsi; Gioia Dei Marsi) – Tagliacozzo.
• la maggior concentrazione di uscite si è avuta alle ore 3,30 da parte di ragazzi con età compresa dai 19 ai 26 anni.
Al di fuori del questionario, è stato constatato:
• che nonostante l’ingresso alle ore 01,00 molti ragazzi erano già presenti fuori dai locali a partire dalle ore 24,30
• che alcuni utenti, soprattutto di sesso femminile, hanno dichiarato di essere regolarmente accompagnati dai genitori, anche se possessore di patente di guida;
• che la partecipazione degli utenti all’intervista è stata sorprendentemente collaborativa; inoltre è stata accolta favorevolmente, dalla quasi totalità dei ragazzi, la proposta di un servizio di trasporto pubblico per il sabato sera, che molti hanno sottolineato di aver conosciuto e apprezzato presso altre regioni d’Italia
• che, a partire dalle ore 3,30, non è stato più possibile intervistare i ragazzi a causa del loro evidente stato di ebbrezza.
Sulla base di questi dati è stato predisposto il progetto.

CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI
Il progetto è stato strutturato nei seguenti interventi:
Primo intervento (settembre 2007 – gennaio 2008) – Attivazione di tre Tavoli di concertazione:
• tra i gestori dei mezzi pubblici e privati per la predisposizione di un piano tariffario, logistico e organizzativo
• tra Regione, Provincia, Comunità Montane della Marsica, Comuni della Marsica e Comune di Avezzano per l’approvazione di un piano di risorse finanziarie
• tra le forze dell’ordine: Polizia stradale di L’Aquila e Avezzano, Carabinieri, Vigli urbani per la definizione di una strategia preventiva, di controllo e promozionale.
Secondo intervento (marzo 2008 – maggio 2008) – Creazione di un servizio di trasporto pubblico notturno gratuito per il sabato di andata e ritorno dai paesi limitrofi ad Avezzano:
• i percorsi attivati sono stati 5: per la Valle Roveto, per la valle del Giovenco, per la tratta Villavallelonga-Collelongo-Trasacco-Luco Dei Marsi-Avezzano, per la tratta Tagliacozzo-Magliano Dei Marsi-Avezzano, per la tratta interna di Avezzano
• all’andata sono state previste tappe e fermate obbligate a partire dalle 00:00, mentre al ritorno, a partire dalle 03:30, per una maggiore sicurezza dei ragazzi, la fermata è stata a chiamata sulla strada di percorrenza, ovvero l’autobus si è fermato dove l’utente lo richiedeva. All’interno dei bus è stata prevista un P.R. con lo scopo di monitorare l’iniziativa, assistere i ragazzi, promuovere il servizio offrendo loro riduzioni e consumazioni per i locali di Avezzano.
Terzo intervento (febbraio 2008 – maggio 2008) – Promozione e sensibilizzazione ai temi legati alla sicurezza stradale e mobilità sostenibile:
• promozione dell’iniziativa, con lo slogan “Sicuro che ti diverti…”, tramite i canali pubblicitari cinema, radio e stampa
• organizzazione di incontri diretti con i ragazzi in tutte le scuole superiori di Avezzano.

Obiettivi

Mamma sogni d'oro ha perseguito l'obiettivo generale di ridurre il numero di vittime e di traumi causati dagli incidenti stradali, attraverso i seguenti obiettivi specifici:
• riduzione del numero dei veicoli in circolazione, mediante la promozione di una politica di mobilità sostenibile a discapito dell'utilizzo del veicolo privato
• costruzione di una cultura della sicurezza stradale
• sviluppo negli enti pubblici locali di politiche territoriali di mobilità sostenibile e di sicurezza stradale.

Partnership

Il G.A.L. Marsica ha realizzato il progetto con la collaborazione finanziaria e organizzativa dei Comuni di: Avezzano, Balsorano, Canistro, Capistrello, Celano, Civita D’Antino, Civitella Roveto, Collelongo, Gioia dei Marsi, Lecce dei Marsi, Luco dei Marsi, Magliano dei Marsi, Morino, Ortucchio, San Benedetto dei Marsi, Scurcola Marsicana, Tagliacozzo, Trasacco e Villavallelonga.
Hanno inoltre collaborato: la ASL di Avezzano e la Polizia stradale - sezione di Avezzano per il reperimento dei dati utili ai fini progettuali.

Risultati

Nel periodo di attivazione di “Mamma sogni d'oro” e soprattutto per i tre mesi di servizio bus notturno (marzo-maggio 2008) è stato raggiunto il risultato prioritario di ridurre gli incidenti stradali sulle strade marsicane tra il sabato notte e la domenica mattina. Dai dati forniti dalla ASL di Avezzano è emerso infatti che in tale periodo, per la fascia oraria che andava dalle ore 00:00 del sabato alle ore 05:00 della domenica, per la fascia di età 16-26, gli “accessi” al Pronto Soccorso di Avezzano sono diminuiti del 27%. È stato osservato inoltre che nel periodo antecedente e susseguente al progetto i dati tornavano a essere sempre gli stessi.
In merito agli obiettivi specifici si è riscontrato invece:
• l’interesse nei giovani all'iniziativa, che si è tradotto in circa 45 presenze a bus a serata (a eccezione del Comune di Avezzano, dove si è arrivati a 20 presenze a serata)
• la maggiore sensibilizzazione degli amministratori locali al sistema di governo della sicurezza stradale e mobilità sostenibile, che si è tradotta in attivazioni di iniziative di prevenzione e controllo delle strade specifiche per le ore notturne dedicate al divertimento.

Aggiornamenti

Dati i positivi risultati, l’iniziativa è stata replicata con alcune varianti, tra il 2010 e il 2012, nella provincia dell’Aquila, sotto il titolo “Provincia Sicura al 100%”.

Dal 5 dicembre 2015 è stata attivata una nuova edizione di “Mamma Sogni d’oro”, con un’estensione dell’area interessata: oltre ai Comuni della Marsica, con annesso il Comune di Borgorose (Rieti), e dell’area Peligna (L’Aquila) sono stati coinvolti anche i Comuni dei Monti Dauni (Foggia), con caratteristiche territoriali e logistiche affini. L’iniziativa prevede le seguenti attività:
• promozione e sviluppo della mobilità sostenibile attraverso l'attivazione di servizi pubblici notturni per le serate del sabato sera: un servizio taxi da prenotare in tempo reale e un bus gratuito con fermate prestabilite da mezzanotte alle 4 del mattino
• comunicazione e promozione positiva delle norme del codice della strada attraverso spot radio, post sui social network e realizzazione di manifesti, T-shirt e gadgets con su riportate artisticamente le norme del codice della strada
• formazione presso gli Istituti scolastici tramite lezioni tecnico-scientifiche sui traumi cranio-vertebrali derivanti dagli incidenti stradali
• formazione ai formatori delle scuole guida, con workshop tematici sugli effetti di alcool e droga alla guida
• convegnistica e animazione delle comunità locali attraverso tavoli di concertazione pubblici, incontri tra enti e rappresentanti dei settori del divertimento, convegni in cui promuovere la sicurezza stradale, dimensionare il problema, diffondere i risultati, definire strategie future.

  • Nessun partecipante a questa discussione

REGISTRATI

Registrati alla community

Per poter commentare e caricare contenuti su questa piattaforma, identificati inserendo i tuoi dati essenziali.

Registrati >>

INVIA LA TUA STORIA

Invia una storia

GLI ULTIMI PROGETTI

OpenSchool_ErgoSud - RURAL MAKING LAB

Vai al progetto >>

Rural Making Lab_#OperaCollettiva di Pae...

Vai al progetto >>

ABC - Anziani Benessere Comunità

Vai al progetto >>
Tutti i progetti >>

ULTIMI ISCRITTI

Pier-Giuseppe Vissani - Comune/Unione dei Co... - Urbanista

enrico petriccioli - FEDERBIM - Vice Presidente

Alfonso Raus - Cittadinanzattiva on... - esperto di processi ...

Tutti gli iscritti >>