Comunità sostenibile nelle Dolomiti

La Comunità di Primiero (che si estende per circa 412 kmq nella parte orientale del Trentino ai confini con il Veneto (BL) composta da 8 comuni: Tonadico, Transacqua, Siror, Fiera di Primiero, Mezzano, Imer, Canal San Bovo e Sagron-Mis) persegue la sostenibilità principalmente attraverso una politica energetica integrata di utilizzo delle rinnovabili. Viene prodotta energia idroelettrica interamente rinnovabile attraverso 5 centrali ed alcune centraline mini-idro, sono stati resi operativi due impianti di teleriscaldamento che garantiscono acqua calda ai residenti attraverso la combustione di biomasse. Un terzo impianto per la produzione di energia elettrica da biomasse è stato realizzato da privati. E’ stato lanciato il progetto di mobilità elettrica con l’acquisto dei primi 14 veicoli e la messa a punto delle centraline di distribuzione; sono già un centinaio le biciclette elettriche a pedalata facilitata per i privati. E’ in corso di studio la produzione di biogas dai reflui zootecnici per un possibile uso per autotrasporto. Gli enti locali hanno spinto inoltre per la diffusione del solare fotovoltaico e del solare termico, e hanno garantito nel tempo una buona copertura a banda larga del territorio tramite fibra ottica e punti wifi.

Obiettivi

Tra gli obiettivi principali vi è quello di conciliare sostenibilità e tutela di un territorio che è in sé un ecosistema unico e fragile, valorizzando le risorse a disposizione, massimizzando le entrate per la comunità e riducendo l’impatto ambientale, con l’aumento della competitività locale per contrastare le dinamiche di spopolamento. Molta attenzione è infatti dedicata, accanto all’autoproduzione energetica, anche all’inclusione e all’accessibilità ai servizi tramite le ICT da parte cittadini, soprattutto giovani, mediante un confronto con realtà anche internazionali. Fra gli risultati inoltre citiamo le seguenti azioni di: innovazione della pubblica amministrazione e di semplificazione delle procedure di lavoro e dei servizi offerti mediante attività di workflow management; valorizzazione e tutela della biodiversità e recupero delle produzioni locali specie della filiera casearia tradizionale.

Partnership

Il caso Primiero vede la collaborazione tra i Comuni e Comunità di valle, Provincia di Trento, la società partecipata ACSM Spa per l’energia elettrica, ESCO locale e cittadinanza.

Risultati

Il progetto è apprezzato per il suo carattere di eccellenza nella tutela della biodiversità e di sostenibilità ambientale e socio-economica. I cittadini sono pienamente coinvolti e consapevoli nella “cura” della propria comunità, e l’azioni di coinvolgimento dei giovani tramite le ICT attrae oggi studenti da tutta Europa e USA, per lo sviluppo in loco di tecnologie digitali web. Fra i principali obiettivi conseguiti, vi è stato quello di limitare drasticamente l’impiego di combustibili fossili. Il territorio, infatti, genera una produzione idroelettrica media annua di circa 400 GWh, a fronte di un consumo locale di circa 45 GWh annui.

Inoltre, dal 2012, a San Martino di Castrozza funziona un impianto di teleriscaldamento alimentato a biomassa, che serve oltre il 90% degli edifici locali. Recentemente è stato realizzato nel fondovalle di Primiero un secondo impianto di teleriscaldamento: la centrale termica sviluppa una potenza termica complessiva di 24,5 MW termici e di 1 MW elettrico, ottenuto grazie ad un cogeneratore. La rete è in corso di evoluzione ma si prevede uno sviluppo complessivo entro il 2016 di circa 30 km. Il nuovo impianto genererà energia termica a 7.000 potenziali abitanti sparsi su 6 comuni. A regime è previsto che il nuovo impianto, unitamente a quello di San Martino, eviterà la combustione di quasi cinque milioni di litri di gasolio (la zona non è metanizzata).
Inoltre, tutte le strutture ricettive e produttive di Primiero possiedono la certificazione RECS che attesta l’impiego esclusivo di energia da fonte rinnovabile.
Grazie anche a questi importanti progetti nel campo dell’energia rinnovabile, è nato Green Way PrimieroGreen Way Primiero rappresenta un marchio che l’intera comunità di Primiero ha scelto per promuoversi come territorio pioniere nell’eccellenza ambientale. Uno dei progetti realizzati recentemente nell’ambito di Green Way Primiero riguarda la mobilità elettrica: le auto elettriche con le relative stazioni di ricarica sono utilizzate in collaborazione con gli enti locali per servizi pubblici sul territorio. La diffusione del car sharing con mobilità elettrica sul territorio si affiancherà  anche al bike sharing, con biciclette elettriche e con il completamento e lo sviluppo dei percorsi ciclabili, mediante l’installazione di cinque ciclostazioni.

  • Nessun partecipante a questa discussione

REGISTRATI

Registrati alla community

Per poter commentare e caricare contenuti su questa piattaforma, identificati inserendo i tuoi dati essenziali.

Registrati >>

INVIA LA TUA STORIA

Invia una storia

GLI ULTIMI PROGETTI

OpenSchool_ErgoSud - RURAL MAKING LAB

Vai al progetto >>

Rural Making Lab_#OperaCollettiva di Pae...

Vai al progetto >>

ABC - Anziani Benessere Comunità

Vai al progetto >>
Tutti i progetti >>

ULTIMI ISCRITTI

Pier-Giuseppe Vissani - Comune/Unione dei Co... - Urbanista

enrico petriccioli - FEDERBIM - Vice Presidente

Alfonso Raus - Cittadinanzattiva on... - esperto di processi ...

Tutti gli iscritti >>