Dai Paesi Baschi e dalla Navarra una delegazione per approfondire la SNAI

Lunedì 27 e martedì 28 novembre è arrivata in Italia una delegazione dei governi dei Paesi Baschi e della Navarra. Le due comunità autonome, che fanno parte dello Stato spagnolo, sono interessate ad approfondire la Strategia Nazionale Aree Interne (SNAI), come modello di politiche di coesione territoriale. Dopo una prima giornata di lavoro a Roma, presso la presidenza del Consiglio dei ministri, la coordinatrice SNAI Sabrina Lucatelli ha accompagnato i sei ospiti in Abruzzo, nell’area interna del Basso Sangro-Trigno, la prima della Regione a definire Strategia e a siglare (nel novembre 2017) l’Accordo di programma quadro.
Si tratta di un’area impegnata seriamente sul fronte dell’associazionismo tra Comuni (in tutto sono 33, quelli coinvolti nella Strategia d’area) e che ha fatto scelte innovative e di rottura sul piano dell’offerta dei servizi.

La delegazione basca era guidata da Victor Oroz Izaguirre, viceministro con delega all’Agricoltura, alla Pesca e alle Politiche alimentari del governo basco. “È in atto nei Paesi baschi un processo di revisione della legge di sviluppo rurale del 1998, e il nostro obiettivo è una trasformazione concettuale della stessa, in una logica di coesione territoriale -ha spiegato-. Sebbene la misura in vigore abbia ottenuto risultati positivi in termini di dotazione di servizi e attivazione di nuove aziende agricole, riteniamo fondamentale un salto concettuale, e la SNAI può rappresentare un modello in quanto a capacità di coordinamento di più ministeri e dipartimenti“.

“Dopo aver ascoltato una presentazione della Strategia da parte di Sabrina Lucatelli, nell’ambito di una conferenza del network europeo EUROMONTANA, abbiamo immaginato questa missione per capire se il ‘modello italiano’ può adattarsi alla realtà del Paese basco -continua Oroz Izaguirre-. Siamo venuti per capire quali sono le modalità di individuazione, gestione e finanziamento dei progetti, ma anche per comprendere quali siano gli indicatori economici e di sviluppo sociale utilizzati per individuare le ‘aree interne’. Anche nei Paesi baschi esiste una zonificazione, una struttura amministrativa che è fondata sulle Comarcas (sono 20, per un totale di 251 municipi, ndr) e dovrà essere rivista. Per noi era importante, inoltre, analizzare i modelli di governance all’interno delle singole ‘aree interne’, anche per capire come si coordinano le azioni delle agenzie di sviluppo e dei gruppi di azione locale, che sono presenti anche nel nostro ordinamento”.  (lm)

aperta il 30/11/20170 partecipanti

  • Nessun partecipante a questa discussione

I PROGETTI

I progetti

Scopri che cosa si sta già facendo in varie parti d’Italia per migliorare le condizioni di vita nelle aree interne.

VAI >>

LE DISCUSSIONI

Le discusssioni

Le questioni irrisolte e le opinioni degli esperti sulla vita ed il lavoro nelle aree interne. Il tuo punto di vista ci interessa.

VAI >>

REGISTRATI

Registrati alla community

Per poter commentare e caricare contenuti su questa piattaforma, identificati inserendo i tuoi dati essenziali.

Registrati >>

INVIA LA TUA STORIA

Invia la tua storia

Se ritieni che la tua esperienza (nel bene e nel male) abbia qualcosa da insegnare agli altri, segnalacela qui.

INVIA >>

GLI ULTIMI PROGETTI

OpenSchool_ErgoSud - RURAL MAKING LAB

Vai al progetto >>

Rural Making Lab_#OperaCollettiva di Pae...

Vai al progetto >>

ABC - Anziani Benessere Comunità

Vai al progetto >>
Tutti i progetti >>

ULTIMI ISCRITTI

Pier-Giuseppe Vissani - Comune/Unione dei Co... - Urbanista

enrico petriccioli - FEDERBIM - Vice Presidente

Alfonso Raus - Cittadinanzattiva on... - esperto di processi ...

Tutti gli iscritti >>