Quando le aree interne fanno notizia

Negli ultimi tre mesi i media nazionali hanno dato conto dello stato d’avanzamento della Strategia Nazionale Aree Interne, a partire dal Forum di Aliano di fine maggio, che ha rappresentato un’occasione importante di incontro per la “comunità delle aree interne”. Sulle Montagna Materana, infatti, circa 200 persone -tra amministratori, progettisti e rappresentanti di associazioni territoriali coinvolte nella definizione delle Strategia d’area nei 1.066 Comuni coinvolti nella SNAI hanno riflettuto insieme sui prossimi passi

“In Italia sono ben 4.181 i comuni classificati come «aree interne», ovvero zone troppo distanti dai principali centri di offerta dei servizi essenziali (salute, istruzione e mobilità collettiva). In tutto ospitano il 22,3% della popolazione italiana pari a oltre 13,28 milioni di abitanti e occupano quasi il 60% del territorio nazionale” ha ricordato su La Stampa Paolo Baroni, in un articolo dedicato ai Comuni che “nel loro piccolo s’innovano”.

Bianca Di Giovanni, sulla prima pagina de l’Unità, ha raccontato invece come “rinasce l’Italia lontano dai riflettori”, il “riscatto dell’Italia remota” grazie alla SNAI.

Come funziona la Strategia Nazionale Aree Interne lo ha spiegato Fabrizio Barca intervistato da Avvenire: “Ha una forte struttura centrale, che dà le linee guida, monitora e corregge. E poi c’è una poderosa delega alle comunità locali – sindaci, associazioni, rappresentanti dei cittadini, dirigenti scolastici, piccole imprese – che decide cosa fare e come. Così realizziamo cose più utili e facciamo capire che le diseguaglianze sociali non sono dovute all’immigrazione – come vogliono far credere i pifferai magici dell’autoritarismo -, bensì alle cattive politiche”. Secondo Barca, intervistato da Marco Iesevoli per Avvenire (“Barca: ‘È la partecipazione la risposta ai populismi’”, la SNAI stimolando la partecipazione frena “una spinta all’autoritarismo” presente nel Paese.

A Barca ha fatto eco, intervistato dal quotidiano il Tirreno, Enrico Borghi, deputato e consigliere della presidenza del Consiglio dei ministri per l’attuazione della SNAI: “La politica deve saper rispondere a questa situazione articolando una questione di carattere nazionale a partire dalle caratteristiche dei territori più periferici. In questo contesto, parlare di sviluppo locale significa coinvolgere tutti i soggetti di un territorio, portarli a dialogare con lo Stato e la Regione secondo un principio di sussidiarietà”.

Sempre Avvenire, con l’inviato Paolo Viana, ha raccontato la storia della “infermiera che ‘salva’ gli anziani della Liguria”, descrivendo le azioni del pool di infermieri di comunità attivi in Alta Val Trebbia grazie al progetto CONSENSO di Regione Liguria, la cui sperimentazione verrà estesa grazie alla Strategia d’area a tutti i Comuni dell’Angola e del Tigullio.

La stessa storia è stata raccontata anche da Matteo Pucciarelli sulle pagine genovesi della Repubblica, “Torriglia, ecco gli infermieri di comunità”.

Frequentando le aree interne ci siamo resi conto che da Nord a Sud esiste una grande ricchezza e fermento culturale, che esistono ovviamente a prescindere dalla SNAI e che -in alcuni casi- la Strategia contribuirà a rafforzare. Sul corriere.it abbiamo così raccontato “otto festival estivi che non potete perdere in 8 micro paesini d’Italia poco conosciuti (e tutti eccezionali)”.

Sul Giornale delle fondazioni, infine, si dà conto di come “nelle Marche la ricostruzione delle comunità nel post-terremoto segua il modello della Strategia Nazionale Aree Interne”, fondato sul coinvolgimento e sulla presenza delle istituzioni nei luoghi. Perché lo sviluppo non può calare dall’alto, e i soldi non sono sufficienti.

aperta il 31/07/20170 partecipanti

  • Nessun partecipante a questa discussione

I PROGETTI

I progetti

Scopri che cosa si sta già facendo in varie parti d’Italia per migliorare le condizioni di vita nelle aree interne.

VAI >>

LE DISCUSSIONI

Le discusssioni

Le questioni irrisolte e le opinioni degli esperti sulla vita ed il lavoro nelle aree interne. Il tuo punto di vista ci interessa.

VAI >>

REGISTRATI

Registrati alla community

Per poter commentare e caricare contenuti su questa piattaforma, identificati inserendo i tuoi dati essenziali.

Registrati >>

INVIA LA TUA STORIA

Invia la tua storia

Se ritieni che la tua esperienza (nel bene e nel male) abbia qualcosa da insegnare agli altri, segnalacela qui.

INVIA >>

GLI ULTIMI PROGETTI

OpenSchool_ErgoSud - RURAL MAKING LAB

Vai al progetto >>

Rural Making Lab_#OperaCollettiva di Pae...

Vai al progetto >>

ABC - Anziani Benessere Comunità

Vai al progetto >>
Tutti i progetti >>

ULTIMI ISCRITTI

Pier-Giuseppe Vissani - Comune/Unione dei Co... - Urbanista

enrico petriccioli - FEDERBIM - Vice Presidente

Alfonso Raus - Cittadinanzattiva on... - esperto di processi ...

Tutti gli iscritti >>