Tutela attiva del territorio

Frane, smottamenti, strade chiuse in alcuni periodi dell’anno, dissesto idrico sono problemi frequenti e ricorrenti nelle aree interne. L’abbandono dei boschi e di intere borgate, il venir meno di risorse pubbliche per la messa in sicurezza del territorio e per la manutenzione delle strade, l’esaurirsi di attività produttive che garantivano la custodia di ampie porzioni di territorio, sono fenomeni che non hanno risvolti soltanto nelle aree interne, ma anche nei territori a valle.

La messa in sicurezza diventa efficiente e possibile solo quando viene effettuata o promossa o supportata da una popolazione residente nel territorio, che sia capace di rappresentare gli interessi collettivi e possa divenire “custode del territorio” stesso, adottando in prima persona comportamenti proattivi e realizzando “azioni quotidiane” anziché grandi interventi sporadici. Sarà questa popolazione a disporre delle conoscenze necessarie per l’intervento e ad avere gli incentivi per agire e anche per trarne vantaggi.

Partecipate alla discussione!

Abbiamo raccolto alcuni spunti e questioni per stimolare un confronto sul tema della tutela del Territorio nelle aree interne.  Eccone alcuni:

  • Come ricollocare concretamente la popolazione delle aree interne al cuore della gestione del loro territorio e come riconoscere il valore di questo compito, che ha ricadute cruciali in termini di prevenzione del rischio?
  • Come finanziare in modo innovativo interventi di manutenzione e di prevenzione? Quali soggetti coinvolgere? Come creare nuovi modelli di gestione delle risorse ambientali, capaci di fare interagire in modo integrato pubblico e privato?
  • Inoltre, esistono casi di cooperative territoriali o aziende agricole attive nella difesa e manutenzione del territorio? Esistono casi di co-produzione di servizi ambientali e territoriali, casi di integrazione tra pubblico e privato? Esistono comunità locali che hanno adottato piani di adattamento al cambiamento climatico? Esistono comunità che si sono poste il problema di incrementare la resilienza, anche come nuovo strutturarsi della relazione tra aree interne e aree urbane?

Raccontateci le vicende in cui siete coinvolti direttamente: storie, progetti speciali ed esperienze dirette sulla Tutela  del territorio delle aree interne. Parliamone qui. Oppure, se avete materiale da inviare, scrivete a:
community-pon-areeinterne@dps.gov.it

Gli ultimi progetti

OpenSchool_ErgoSud – RURAL MAKING LAB

OpenSchool_ErgoSud 3° edizione è un progetto realizzato dal Rural Making Lab dell’associazione Pensando Meridiano a Belmonte Calabro (CS) dal 19 al 21 Maggi

Vai al dettaglio >>
Rural Making Lab_#OperaCollettiva di Paesaggio

#OperaCollettiva di Paesaggio è un progetto realizzato dal Rural Making Lab dell’associazione Pensando Meridiano in occasione del Festival Giardini delle Esp

Vai al dettaglio >>
Di Onda in Onda – Atelier delle Acque e delle Energie

“Di Onda in Onda - Atelier delle Acque e delle Energie” è un luogo di educazione scientifica e ambientale che consente di esplorare sia i fenomeni fisici s

2010-16 Vai al dettaglio >>
Progetto Gedeone

Nel settembre del 2013 il Comune di Carlopoli (Catanzaro) ha affidato in comodato d’uso gratuito decennale al “Progetto Gedeone” – promosso dal Comune s

2013 - 2016 Carlopoli, Vai al dettaglio >>
Il Sistema Castel del Giudice

  Descrizione Castel del Giudice è un piccolo Comune (350 abitanti, in buona parte anziani) in provincia d’Isernia, nell’alto Molise, ai confini con

1998 -2016 Castel del Giudice Vai al dettaglio >>
Cooperativa di Comunità Ture Nirvane

Nel corso del XX secolo, il villaggio medievale di Torri Superiore fu gradualmente abbandonato da tutti gli abitanti, cadendo in preda al degrado e  trasforman

Ventimiglia Vai al dettaglio >>
Una filiera corta bosco-energia per la manutenzione del territorio

Nel 1997, in seguito ad un inverno molto rigido, caratterizzato da frequenti gelate, i boschi della zona hanno subito gravi danni. Molte piante abbattute e fust

2005,2006,2007,... Masone,Campo Ligure,... Vai al dettaglio >>
I Briganti del Cerreto

Cerreto Alpi, antica comunità di pastori transumanti, è il borgo più antico del Comune di Collagna, la cui prima testimonianza risale ad un documento dell'

2003,2004,2005,... Collagna Vai al dettaglio >>

Le ultime discussioni

“Futuro Alta Carnia”: approvata la Strategia per l’area interna friulana

Le Alpi rappresentano una barriera naturale, che le popolazioni montane dall'Alta Carnia, in Friuli-Venezia Giulia, hanno da sempre saputo affrontare. Per colle

01/06/2017 Vai alla discussione >>
“Territori e Comunità che ce la vogliono fare”: il 26 maggio un convegno a Silanus (Nuoro)

Venerdì 26 maggio 2017, alle ore 18,00, si svolgerà a Silanus (Nuoro), presso l'Auditorium Comunale  “Peppino Fiori", un incontro/conferenza sul tema "T

25/05/2017 Vai alla discussione >>
Il ruolo dell’immigrazione per il futuro della pastorizia mediterranea

Una ricerca congiunta Coldiretti/Caritas nel 2013 indicava che “I prodotti dell’agricoltura italiana passano nelle mani dei lavoratori stranieri che rappres

29/01/2015 Vai alla discussione >>

REGISTRATI

Registrati alla community

Per poter commentare e caricare contenuti su questa piattaforma, identificati inserendo i tuoi dati essenziali.

Registrati >>

INVIA LA TUA STORIA

Invia una storia

GLI ULTIMI PROGETTI

OpenSchool_ErgoSud - RURAL MAKING LAB

Vai al progetto >>

Rural Making Lab_#OperaCollettiva di Pae...

Vai al progetto >>

ABC - Anziani Benessere Comunità

Vai al progetto >>
Tutti i progetti >>

ULTIMI ISCRITTI

Pier-Giuseppe Vissani - Comune/Unione dei Co... - Urbanista

enrico petriccioli - FEDERBIM - Vice Presidente

Alfonso Raus - Cittadinanzattiva on... - esperto di processi ...

Tutti gli iscritti >>