Efficienza energetica

Parchi eolici, centrali a biomasse, captazioni di acque per alimentare impianti idroelettrici, installazione di impianti fotovoltaici a terra: le risorse naturali delle aree interne sono da tempo sfruttate per la produzione di energia rinnovabile.

Spesso gli interventi sono stati realizzati da soggetti esterni alle dinamiche territoriali, senza perseguire una logica di integrazione delle nuove energie a livello locale né costruire reti capaci di generare ricchezza e occupazione.

Molto si è puntato sulla produzione di energia, poco su efficienza e risparmio energetico, fondamentali sotto il profilo ambientale, economico e sociale, consentendo di ridurre le emissioni di CO2, creare occupazione e sbocchi locali alle professionalità più qualificate e fornire risposte innovative al crescente fenomeno della povertà energetica (fuel poverty).

Un processo a somma positiva, che però stenta a decollare: nelle aree interne la ristrutturazione energetica degli edifici esistenti deve fare i conti con una popolazione prevalentemente anziana, restia a investimenti con prospettive di ritorno di lungo periodo. E con un mercato immobiliare poco dinamico, che depotenzia gli strumenti di mercato adottati a livello nazionale, come l’obbligo di certificazione energetica nelle compravendite. 

Ciò detto, produzione e risparmio di energia sono fattori chiave per le aree interne. Si tratta di costruire filiere corte, che traducano le risorse disponibili in opportunità di crescita del territorio, e di investire in ricerca e sviluppo per individuare dispositivi di efficientamento energetico degli edifici a partire dai materiali locali.

Partecipate alla discussione!

Sulla base degli aspetti che caratterizzano la produzione l’uso di energia nelle aree interne vorremmo stimolare un confronto a partire da alcuni punti:

  • Quali sono i modelli organizzativi basati su approccio integrato al tema energetico, capace di valorizzare le filiere locali, la tutela dell’ambiente e il coinvolgimento delle comunità locali?
  • Come si favorisce la cooperazione tra gli attori locali per investire in modo decentrato e diffuso sulle nuove energie?
  • Quali nuovi rapporti si instaurano tra aree interne e aree urbane in merito alla produzione e consumo di energia rinnovabile?
  • Come si territorializzano esperienze già esistenti di grandi impianti non integrati a livello locale?
  • Come si possono utilizzare le opportunità provenienti dalla produzione di energia termica da biomasse per strutturare filiere bosco-energia locali capaci di rispondere alle esigenze di manutenzione del territorio e di gestione sostenibile del patrimonio boschivo?
  • Esistono comunità locali che hanno dato risposte al problema della povertà energetica investendo massicciamente nella conversione energetica degli edifici?
  • Nelle aree interne, esistono esperienze di azionariato diffuso per investire nella costruzione di impianti di produzione di energia elettrica e termica?
  • Esistono Comuni che hanno creato piani energetici locali per contemperare esigenze di tutela del paesaggio con ambizioni di autosufficienze energetica?

Conoscete progetti speciali o avete informazioni e materiale da condividere su come viene gestita la produzione, l’efficienza e il risparmio di energia nelle aree interne del Paese? Parliamone qui. Oppure, inviate il materiale che avete a:
community-pon-areeinterne@dps.gov.it

Gli ultimi progetti

Cooperativa di Comunità Ture Nirvane

Nel corso del XX secolo, il villaggio medievale di Torri Superiore fu gradualmente abbandonato da tutti gli abitanti, cadendo in preda al degrado e  trasforman

Ventimiglia Vai al dettaglio >>
Fotovoltaico sui tetti in forma cooperativa

La cooperativa di comunità è un’iniziativa collettiva, promossa da un  gruppo di cittadini i quali partecipano in relazione alle loro esigenze e alla loro

2011,2012,2013,... Melpignano Vai al dettaglio >>
Una filiera corta bosco-energia per la manutenzione del territorio

Nel 1997, in seguito ad un inverno molto rigido, caratterizzato da frequenti gelate, i boschi della zona hanno subito gravi danni. Molte piante abbattute e fust

2005,2006,2007,... Masone,Campo Ligure,... Vai al dettaglio >>
Nuovo Edificio Scolastico Comunale a Mezzanego

Il nuovo polo scolastico di Mezzanego è stato realizzato per accogliere bambini di età compresa tra i 2 e gli 11 anni, ospitando tre sezioni della scuola dell

2011 Mezzanego Vai al dettaglio >>
Comunità sostenibile nelle Dolomiti

La Comunità di Primiero (che si estende per circa 412 kmq nella parte orientale del Trentino ai confini con il Veneto (BL) composta da 8 comuni: Tonadico, Tran

2012,2013,2014 Tonadico,Transacqua,Siror,... Vai al dettaglio >>

Le ultime discussioni

Nuova elettrificazione nelle aree interne

In alcune aree interne esiste ancora un problema di elettrificazione delle aziende agricole. Aziende che producono latte di ottima qualità, come nell'Alta Marm

29/07/2014 Vai alla discussione >>

REGISTRATI

Registrati alla community

Per poter commentare e caricare contenuti su questa piattaforma, identificati inserendo i tuoi dati essenziali.

Registrati >>

INVIA LA TUA STORIA

Invia una storia

GLI ULTIMI PROGETTI

OpenSchool_ErgoSud - RURAL MAKING LAB

Vai al progetto >>

Rural Making Lab_#OperaCollettiva di Pae...

Vai al progetto >>

ABC - Anziani Benessere Comunità

Vai al progetto >>
Tutti i progetti >>

ULTIMI ISCRITTI

Pier-Giuseppe Vissani - Comune/Unione dei Co... - Urbanista

enrico petriccioli - FEDERBIM - Vice Presidente

Alfonso Raus - Cittadinanzattiva on... - esperto di processi ...

Tutti gli iscritti >>